Le colonne di distillazione sono elementi essenziali nell’industria chimica per provvedere alla separazione di diverse sostanze o alla purificazione di uno specifico composto dalle impurità.

LE CARATTERISTICHE DELLE COLONNE DI DISTILLAZIONE

Le colonne di distillazione, o rettifica, sono dispositivi utilizzati per svolgere, sia in laboratorio che a livello di impianto industriale, due diverse operazioni. Da un lato, infatti, la distillazione viene utilizzata per purificare una particolare sostanza liberandola di tutte le impurità e gli scarti, che vengono convogliate in una corrente separata; dall’altro, il processo di distillazione è da sempre utilizzato per suddividere una miscela nei suoi diversi componenti chimici, frazionandola. In entrambi i casi, il principio sfruttato è quello dei diversi punti di ebollizione delle diverse sostanze chimiche, che permette di sfruttare il calore per separare progressivamente componenti diversi o indesiderati della miscela.

IL FUNZIONAMENTO DELLE COLONNE DI DISTILLAZIONE

Come dicevamo, il principio alla base di entrambe le applicazione della distillazione è identico: diverse sostanze hanno diversi punti di ebollizione, e questo permette di far evaporare separatamente, e ricondensare per poi convogliare altrove, le diversi componenti di una miscela, sia che si tratti di mantenere soltanto una di tali componenti ed eliminare le altre come scarti, sia che si desideri invece – pensiamo, ad esempio, alla raffinazione del petrolio – frazionare la miscela in diverse componenti da utilizzare per scopi diversi.

All’interno della colonna di distillazione, la miscela liquida viene fatta scorrere verso il basso, dove viene poi fatta ribollire per risalire – ora in forma gassosa – verso l’alto, condensandosi progressivamente per essere poi fatta defluire; la regolazione della temperatura di ebollizione permette la separazione delle varie componenti.

LE TIPOLOGIE DI COLONNE DI DISTILLAZIONE

Esistono due fondamentali tipologie di colonna di distillazione:

  • Colonne di distillazione a piatti; in questi modelli, il contatto fra la corrente liquida e quella gassosa viene fatto avvenire sulle superfici di elementi orizzontali distribuiti a intervalli equidistanti, che prendono appunto il nome di piatti;
  • Colonne di distillazione a corpi di riempimento; in questi modelli, i piatti non sono presenti, e le superfici utilizzate per il contatto fra le due correnti sono quelle di blocchetti, griglie o maglie all’interno della colonna. Normalmente, per costruire tali elementi si utilizzano materiali inerti alle sostanze da distillare, che possono essere metallici, plastici o ceramici.

Achelit offre i modelli più performanti e sicuri di colonne di distillazione presenti sul mercato, proponendo alla clientela prodotti delle case più note ed affidabili. Per contattarci per informazioni, consulenza o preventivi è sufficiente cliccare qui!

Se volete scoprire le altre apparecchiature Achelit per l’ingegneria di processo nel laboratorio e nell’industria chimica, potete consultare le pagine del sito dedicate ai nostri prodotti.

COLONNE DI DISTILLAZIONE